EL FARO

In te'n tempo scuro de la vita

in do la tristezza e la sfeducia

te porta a navegÓr in te'n mondo

ch'el pÓr ch'el voia soterarte

sbarlotandote come un batŔl

in balýa dele onde: Eco!

 

Eco un fÓro,

un sbrisego de ciÓro fra i pensieri,

...e l'animo scuro scominzia a sparir

vedendo in stÓ luce, che s-ciÓra le ombrie dei dubi,

...come un spianziso, un'Óncora secura

che te porta a Ŕssar

par˛n de la to barca.

 

LŔ el faro de la fede che ghemo drŔnto,

el se fÓ vivo,

s-ciarÓndo le paure de la n˛te

e metendone danovo in mÓn

i rŔmi de la vita.

 

IL FARO

In un tempo scuro della vita

in cui la tristezza e la sfiducia

ti portan a navigare in un mondo

che sembra voglia soterrarti

sbarlottandoti (squotendoti) come un battello

in balýa delle onde: Ecco!

 

Ecco un faro,

uno spiraglio di luce tra i pensieri,

... e l'animo scuro comincia a sparire

vedendo in questa luce,

che rischiara le ombre dei dubbi,

... come uno spiraglio (spianziso= un po' pi¨ di uno spiraglio), un'ancora sicura

che ti porta ad essere 

padrone della tua barca.

 

E' il faro della fede che abbiamo dentro,

si fa vivo,

rischiarando le paure della notte

e mettendoci di nuovo in mano

i remi della vita.

Quadro fatto dalla mia mamma...

LE ZIME...

Pote dei monti,

sponzetando el ciŔl,

lo fŔ piazÓr de n'acoa dolza e neta,

che lava le cativŔrie dei ˛meni e

beara l'ars¨ra de la tŔra,

lassando gioze de speranza.

 

Si, come le tetine de na mama

che lata el so butin,

pensando al so domÓn.

 

Si, dei gr˛ssi penini,

e con l'inchi˛stro de le nugole,

scrivý nel spazio del tempo,

la st˛ria del mondo.

 

Zime dei monti,

guardiane e fari de la tŔra,

da lass¨ i n'alto,

portŔghe al Padre'tŔrno la oze

silenziosa de pace, dei cori umani.

 

Quando la gente viÚn a caminÓr

in mŔzo ai b˛schi,

dŔghe la serenitÓ de l'animo,

che quŔrze e scavalca,

le fadighe de la vita.

LE CIME

Ponte dei monti,

punzecchiando il cielo,

lo fate piangere di un'acqua dolce e pulita,

che lava le cattiverie degli uomini e

e abbevera l'arsura della terra,

lasciando gocce di speranza.

 

Si, come "le tettine" di una mamma

che allatta il suo bambino,

pensando al suo domani.

 

Si, dei grossi pennini,

e con l'inchiostro delle nuvole,

scrivete nello spazio del tempo,

la storia del mondo.

 

Cime dei monti,

guardiane e fari della terra,

da lass¨ in altro,

portate al Padre Eterno la voce

silenziosa di pace,

dei cori umani.

 

Quando la gente viene a camminare

in mezzo ai boschi,

datele la serenitÓ dell'anima,

che copre e scavalca,

le fatiche della vita

Grazie a PAOLO